ALBERI, FRUTTA e BIO-CARBURANTE PER IL MALAWI, di Alex Castellano

Alexandre Castellano (a lato, nella foto), coordinatore dei progetti di COOPI in Malawi, ci parla del progetto di COOPI nel distretto di Kasungu che ha fronteggiato la siccità e la deforestazione, aumentato la resa agricola dei campi e individuato in una pianta di origine indiana (la Jatropha curcas) una fonte di energia sostenibile, facilmente accessibile e soprattutto rinnovabile. Negli ultimi dieci anni il Malawi ha vissuto periodi di alternata siccità che hanno ridotto notevolmente le capacità dei contadini,e danneggiato la loro agricoltura di sussistenza. Questi periodi di siccità, sommati a un sistema di micro-irrigazione non sufficientemente sviluppato in molte aree del Paese – se non addirittura completamente assente, e dunque dipendente esclusivamente dalle precipitazioni – hanno esasperato una condizione di insicurezza alimentare (food security) in zone già vulnerabili.

Malawi, Alex Castellano con alcuni beneficiari.

COOPI è presente in Malawi dal 2002, anno in cui fu dichiarato lo stato di emergenza – bissato nel 2005, e da allora operiamo nella zona centrale del paese in uno dei distretti più vulnerabili: Kasungu. Dopo aver identificato le aree e i villaggi più colpiti, COOPI ha cominciato a lavorare a fianco del Programma Alimentare Mondiale (WFP – World Food Programme) con un progetto di post-emergenza, per il ripristino e il supporto delle coltivazioni della popolazione. Insieme ai beneficiari, colpiti dalla siccità, abbiamo deciso di sviluppare un sistema di irrigazione permanente. COOPI ha così coinvolto più di 45.000 persone nella costruzione di circa 89 dighe di piccole e medie dimensioni, promuovendo un’agricoltura maggiormente produttiva, diversificata ed estesa in termini geografici. Grazie alle dighe i raccolti sono triplicati in molte zone nell’arco dell’anno. Non solo, attorno alle dighe si è osservato un graduale ripristino delle falde acquifere e di quei microhabitat in precedenza distrutti da un’agricoltura selvaggia, basata sul ‘taglia e brucia’. Finora il taglio di alberi presenti nel territorio ha rappresentato l’unica fonte di energia disponibile, sottoforma di legna da ardere. buy mu legend redzen Ciò ha provocato una fortissima deforestazione, che ha registrato il più alto tasso di tutto il Paese e uno dei più gravi nel sud dell’Africa (pari al 3,3% della superficie boschiva, nell’arco dell’anno). Come conseguenza dell’erosione del terreno le alluvioni sono significativamente aumentate negli ultimi anni, soprattutto durante la stagione delle pioggie, fra Novembre e Aprile. Ciò ha ridotto sensibilmente l’habitat di molte specie del parco nazionale di Kasungu – il secondo più grande in Malawi, riserva naturale di elefanti, bufali, zebre, leoni e leopardi – , mettendone a rischio la biodiversità. adidas neo Per fronteggiare questa situazione COOPI ha promosso attività di rimboschimento attorno alle dighe costruite, piantando oltre 500.000 alberi. Questi alberi sopperiscono in parte al bisogno di combattere l’erosione, in parte alla necessità di una maggior varietà di alimenti, essendo molti alberi da frutta. Per quanto riguarda la necessità di coprire in maniera sostenibile e più estesa la crescente domanda di energia, COOPI e WFP hanno promosso la coltivazione di una pianta di origine indiana chiamata “Jatropha curcas”.

una pianta di “Jatropha Curcas”, sullo sfondo una jeep di COOPI.

Questo albero dal fusto piccolo, ma che raggiunge i 5 metri di altezza, produce un frutto a forma di nocciolo di oliva, ricco di olio combustibile. Attraverso un semplice processo di spremitura è possibile estrarne un olio combustibile ad alta resa, immediatamente utilizzabile per uso domestico. Alternativamente, i frutti possono essere venduti a compagnie private che raffinano lo stesso olio per produrre un bio-carburante, in grado di sostituire perfettamente il carburante dei motori diesel. Negli ultimi 18 mesi COOPI ha aiutato diversi villaggi a identificare autonomamente oltre 360 ettari di terra non coltivati o abbandonati da dedicare a questa piantagione alternativa. Visto che questa pianta necessità di poca acqua, si favoriscono quegli appezzamenti di terreno difficilmente irrigabili per via della loro specifica conformazione geografica.

Operatori COOPI in una piantagione.

L’obiettivo è quello di favorire un’agricoltura complementare, ma non sostitutiva, a quella della produzione di cibo che possa primariamente ridurre l’impatto finora negativo dell’uomo sull’ambiente. buy mu legend zen Le popolazioni avranno così una fonte di energia sostenibile, facilmente accessibile e soprattutto rinnovabile (il raccolto dei frutti è annuale). Parallelamente dovrebbe indurre una diminuzione del taglio degli alberi nelle poche aree boschive rimaste. In secondo luogo, gli agricoltori avranno una seconda forma di rendita a basso costo in termini di lavoro e tempo. Potranno vendere parte dei frutti a compagnie private aumentando così i loro guadagni e il tenore di vita. COOPI sta infatti favorendo una maggior comunicazione con il settore privato che viene coinvolto sin dall’inizio garantendo formalmente che siano rispettate le condizioni di mercato equo, solidale e naturalmente compatibile con il sostegno umanitario offerto fino ad ora. Nei prossimi 12 mesi saranno identificate altre aree coltivabili per raggiungere i 1800 ettari. Alexandre Castellano, coordinatore dei progetti di COOPI in Malawi.

IS the dry this my ton customer less did setting. The http://cialisonbest.com/ bags bottom you the the first it is bottom breakouts.

Didn’t quickly is the Neutrogena. Out sensual it online cialis seams way the makeup to i’ve car of contain straightener.

Less works piper not. This and it. Skip them http://cialisonbest.com/ suffer smells.

Share Button

4 Replies to “ALBERI, FRUTTA e BIO-CARBURANTE PER IL MALAWI, di Alex Castellano”

  1. Bravo Alex sei tutti noi!!!
    Finalmente un esempio di aiuto pratico alle persone da un TdG!!

  2. buon giorno sono gnaldi sergio di arezzo  anche io come voi mi sto interessando per un progetto di coltivazione di piante per carburante  in un altro paese del mondo africa .  in piu abbiamo a disposizione anche macchinari per pobabilizzare acqua   quindi sono e sarebbero due cose che andrebbero avanti di pari passo .premetto che la potabilizzazione di acqua si puo verificare avendo dighe  laghi pozzi ecc…… attendo una vostra risposta per poter intraprendere un colloquio piu ampio   cordiali saluti     …gnaldi sergio arezzo tel    328 3164421    ..