Paraguay, grattacieli d’acqua

UNA “TORRE D’ACQUA” (foto di Silvia Favaron/COOPI).

grattacielo.acqua
Paraguay, cisterna COOPI.

Paraguay, Programma di approvvigionamento d’acqua, di sviluppo e di modernizzazione dell’agricoltura nelle aree rurali dei Dipartimenti di Concepción, San Pedro e Caaguazú.
Il progetto di COOPI, in collaborazione con la ong MLAL e finanziato dal Ministero degli Affari Esteri italiano, si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi generali:
a)Contribuire allo sviluppo socio-economico delle popolazioni dei Dipartimenti di Concepción, San Pedro y Caaguazú.
b)Migliorare le condizioni di approvvigionamento in acqua potabile delle popolazioni dei Dipartimenti di Concepción, San Pedro y Caaguazú.
Il programma si propone di realizzare un intervento integrato mirato al miglioramento della qualità di vita delle popolazioni rurali attraverso il rafforzamento delle attività agricole, il miglioramento delle condizione igienico-sanitarie attraverso l’approvvigionamento di acqua potabile, la formazione e sensibilizzazione dei beneficiari, la sostenibilità ambientale e la tutela e salvaguardia del territorio.

paraguay1
Paraguay, zona del chaco.

L’obiettivo principale del progetto di COOPI, finanziato da ECHO (Servizio Umanitario della Commisione Europea) è dare supporto umanitario alle vittime di prolungate carestie nella regione di Chaco.

torre.acqua
Paraguay, zona del Chaco, "torre d'acqua" realizzata da COOPI (Silvia Favaron)

L’obiettivo specifico è assicurare la copertura dei bisogni primari, in particolare la reperibilità di acqua per le popolazioni indigene colpite dalla carestia.

agnese.paraguay
Agnese Quarti (a sinistra), operatrice COOPI nel Chaco, Paraguay, con una donna beneficiaria.
Share Button

One Reply to “Paraguay, grattacieli d’acqua”

  1. Ho visto con piacere i lavori svolti,sto lavorando nella zona dell’Alto PAraguay a 90 km.a ovest di Fuerte Olimpo e precisamente a Nu.Apu’à dove c’é una scuola di SAlesiani.Gradirei mettermi in contatto con la COOPI per una eventuale forma di collaborazione.Grazie
    Pierantonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*