SIERRA LEONE: COOPI & MOTOYAKATOR FARMERS

Sierra Leone's newspaper. September 14th, 2011.

In Sierra Leone COOPI lavora da molti anni per promuovere il settore agro-pastorale con l’obbiettivo di superare l’agricoltura di sussistenza e generare una crescita economica e sociale.

Nello specifico, da inizio 2010 è attivo il progetto “Enhancing Productivity and Resilience of Households (EPRH)”, programma finanziato dall’Unione Europea che intende contribuire alla sicurezza alimentare e alla riduzione della povertà in Sierra Leone, aumentando e migliorando la produzione domestica di cibo e la capacità di far fronte a crisi attuali o future. L’intervento ha permesso a 6.000 famiglie dei distretti di Kono, Kailahun e Tonkolili di far fronte all’aumento del prezzo dei prodotti alimentari attraverso una partecipazione attiva alla produzione, distribuzione e marketing, nell’ambito di piani di sviluppo agricolo a livello nazionale e distrettuale.

Il progetto ha coinvolto diverse associazioni di agricoltori, tra cui la Motoyatakor Village Association a Papuima Town nel distretto di Kono. In particolare, alla Motoyatakor Association sono stati donati alcuni macchinari agricoli per il processo di sbramatura del riso. Inoltre, grazie all’intervento di COOPI, le parti difettose di vecchi macchinari sono state sostituite con componenti nuove.

L’utilizzo di impianti produttivi tecnologicamente avanzati ha permesso di velocizzare ed affinare le procedure di lavorazione del riso, aiutando le produzioni locali ad avvicinarsi agli standard internazionali e a diventare integrabili in mercati più allargati.

"COOPI Boosts Agriculture In Gbane Chiefdom In Kono District"

Mr Sillah, referente del progetto in Sierra Leone, ha sottolineato che l’utilizzo dei nuovi macchinari non solo ha migliorato la produzione agricola, ma ha portato ad un più generale miglioramento delle condizioni economiche e sociali. Mr Sillah ha inoltre precisato che le comunità locali stanno sviluppando diversi meccanismi per rendere sostenibile e durevole nel tempo un tipo di agricoltura più avanzata. Ad esempio, quando l’intervento di COOPI terminerà (ottobre 2011), il monitoraggio dei macchinari sarà a capo del consiglio distrettuale di Kono.

Un’agricoltrice locale, Madam Yei Abu, racconta che prima di ricevere i nuovi macchinari il processo di sbramatura del riso veniva realizzato manualmente con dei mortai, operazione che oltre a necessitare lunghi tempi di lavorazione portava anche a grossi sprechi. Ora invece, con l’ausilio dei nuovi impianti produttivi, non solo sono stati ridotti di molto i tempi e gli sprechi, ma il riso prodotto è di qualità superiore.

Anche il  segretario generale di Motoyatakor Farmers,  Mr. James, ha enfatizzato l’importanza del mantenimento dei macchinari e ha annunciato l’intenzione di aprire un fondo bancario per assicurare alle organizzazioni lubrificanti e benzina.

Infine, pastore Sahr James ha ringraziato COOPI per il lungo e importante lavoro di formazione offerto agli agricoltori, in particolare alle donne.

Il tuo aiuto fa la differenza

Sostieni l’intervento di COOPI nel distretto di Kono, in Sierra Leone.

[[IMG:3116:CENTER:]]

* c/c postale 990200 – IBAN IT53P0760101600000000990200 – BIC/SWIFT BPPIITRRXXX – intestato a COOPI-Cooperazione internazionale, via De Lemene 50, 20151 Milano.

* c/c bancario numero 000000102369 Banca Popolare Etica – filiale di Milano – 20129, via Spallanzani 16 (ingresso via Melzo) – ABI 05018 CAB 01600 – IBAN IT 06 R 05018 01600 000000102369 CIN R – SWIFT/BIC CCRTIT2184B – intestato a: COOPI – Cooperazione internazionale, via De Lemene 50, 20151 Milano.

* carta di credito – telefonando al numero 02.30.85.057

Causale: “Fondo COOPI per l’ambiente”.

Share Button

One thought on “SIERRA LEONE: COOPI & MOTOYAKATOR FARMERS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*