A Zemio, nel sud-est della Repubblica Centrafricana, una visita ben accetta!

Accoglienza degli alunni della scuola di Zemio all’ambasciatore francese

Venerdì 11 maggio una delegazione composta dall’Ambasciatore francese e dai suoi consiglieri, da alcune figure rappresentative del World Food Programme (WFP), dal responsabile sicurezza BINUCA (Bureau Intégré de l’Organisation des Nations Unies en Centrafrique) e da alcuni giornalisti, accompagnata dal capo missione COOPI, ha fatto visita al campo rifugiati congolesi a Zemio e ad una delle 11 mense delle scuole di Zemio sostenute da COOPI in qualità di partner del Programma Alimentare Mondiale (PAM).
Il Governo francese ha, infatti, donato il corrispondente in viveri di € 500.000 a favore della comunità dei rifugiati congolesi, degli sfollati interni e degli alunni delle scuole della prefettura di Haut Mbomou, nel Sud Est della Repubblica Centrafricana.
Dal luglio del 2009, a causa delle violenze dell’Armata di Resistenza del Signore (LRA), si registrano costanti spostamenti della comunità congolese verso il sud est della Repubblica Centrafricana, alla ricerca di un rifugio. Ciò ovviamente influisce anche sulla popolazione locale costretta a spostarsi all’interno del proprio territorio.

Ambasciatore con lo staff COOPI in RCA

Il PAM, attraverso COOPI, distribuisce viveri a circa 6.000 rifugiati ripartiti in 3 località del Sud Est (Zemio, Mboki et Obo). L’ultima distribuzione é stata effettuata durante il mese di aprile e la prossima è prevista per giugno. Ad ogni distribuzione ciascuna famiglia riceve una razione sufficiente per 2 mesi composta da: farina di mais, farina di mais associata a zuccheri, legumi, olio e sale. Le quantità previste permettono di raggiungere circa 2.100 kcalorie al giorno per persona e sono indispensabili per la sopravvivenza dei rifugiati che sono privi di qualsiasi riserva alimentare e, a causa dell’insicurezza provocata dalla presenza dell’LRA, non possono lavorare nei campi. La loro sopravvivenza dipende, quindi, totalmente dall’assistenza alimentare fornita dalle istituzioni e dalle organizzazioni umanitarie.
Sempre a Zemio, inoltre, il PAM attraverso COOPI distribuisce viveri a 2.985 alunni presso 11 scuole. Un pasto caldo composto da cereali, legumi e olio viene servito quotidianamente agli alunni delle scuole, in questo modo, oltre a favorire il sostentamento dei bambini, si incoraggia il ritorno nelle scuole dei bambini delle zone minacciate dall’LRA. Le distribuzioni nelle scuole sono iniziate a fine Aprile.
Ma non solo…
La distribuzione di viveri avviene anche attraverso il programma Food for Work ovvero “cibo in cambio di lavoro”. In cambio del contributo fornito per il lavoro di costruzione o di rifacimento delle scuole vengono distribuiti gli alimenti, in questo caso, l’utilità del programma non è dunque solo legata alla distribuzione del cibo ma porta con sé anche un miglioramento delle strutture scolastiche.
Grande la nostra soddisfazione per aver ricevuto alla fine della visita i complimenti dell’Ambasciatore francese e del Responsabile PAM per il lavoro svolto fino ad oggi.

Stefano Destefanis
logista/capoprogetto COOPI
Haut-Mbomou, Repubblica Centrafricana
Share Button

2 thoughts on “A Zemio, nel sud-est della Repubblica Centrafricana, una visita ben accetta!

    • Ciao Bruno!! Si, ho saputo che sei già a Bukavu. Buon inizio di missione nel Sud Kivu!
      Ci sentiamo uno di questi giorni.
      Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*