In visita all’ospedale di Goz Beida

di Carla Ricci vice Presidente di COOPI Durante la mia missione in Ciad ho visitato l’ospedale di Goz Beida, nell’Est del Paese, dove COOPI ha lavorato per molti anni. Qui sono state riabilitate le strutture e creati da zero i diversi reparti, impiegando sia medici italiani che africani. La farmacia Continua a leggere In visita all’ospedale di Goz Beida

Share Button

DAL CARATO ALLA CAROTA… DICONO DI NOI 2

18 marzo 2009, EcoWordly, COOPI in Sierra Leone Africa, cercatori di diamanti passano dai carati alle carote EcoWorldly – San Francisco, Stati Uniti. Come afferma un educatore di COOPI, oggi l’80% dei giovani in Sierra Leone sceglierebbe probabilmente di lavorare

Share Button

CIAD, UN PARTO CESAREO “OSÉE”

Di seguito una testimonianza che un’operatrice di OCHA (Office for the Coordination of Humanitarian Affaire – Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari) di Goz Beida, nell’Est Ciad, ha voluto trasmettere ai colleghi delle Nazioni Unite e di COOPI. Racconta di un episodio di un parto cesareo un pò Continua a leggere CIAD, UN PARTO CESAREO “OSÉE”

Share Button

IL GRAZIE DI LIDIA, per le mamme del Mozambico

Giovani mamme affette da fistole vescico-vaginali, curate grazie a COOPI e ai suoi sostenitori. Di seguito il ringraziamento di Lidia Baiocchi (nella foto), medico chirurgo di COOPI in Mozambico, rivolto a quanti hanno finora sostenuto con una donazione l’appello di COOPI “Operazione dignità – per le giovani donne in Mozambico”. Continua a leggere IL GRAZIE DI LIDIA, per le mamme del Mozambico

Share Button

GAZA, CONTINUARE A LAVORARE SOTTO LE BOMBE. L’esempio dell’ospedale El Shifa

Emiliano Oliviero lavora per COOPI nella striscia di Gaza e, come tutti gli altri nostri operatori ed operatrici in Palestina, conduce un lavoro molto delicato, ma al tempo stesso assai prezioso. Come ci riporta in questa testimonianza, con COOPI è ancora una volta accanto alla popolazione martoriata da anni di Continua a leggere GAZA, CONTINUARE A LAVORARE SOTTO LE BOMBE. L’esempio dell’ospedale El Shifa

Share Button