TUTTO PRONTO PER LA PARTENZA DEL PROGETTO DI EDUCAZIONE A DISTANZA DI DIFFA

nigerian, youths, school, learn

“Tutti i giorni gli studenti mi fanno pressione per sapere quando i vari centri di apprendimento diveranno effettivi” dice Mr. Djibril Adbou, un Education Officer del progetto per l’educazione a distanza di Diaffa. Da quando le informazioni sull’imminente progetto sono state rese note 445 studenti, di cui 162 ragazze,  si Continua a leggere TUTTO PRONTO PER LA PARTENZA DEL PROGETTO DI EDUCAZIONE A DISTANZA DI DIFFA

Share Button

L’8 marzo delle donne sfollate

di Mjo Gonzalez. Colombia – “N” ha 39 anni, ma sembra una ragazzina. Un compagno pescatore, 5 figli (18,16,14, 6 e 4 anni) e una madre. Fino a pochi mesi fa viveva in una “finquita” situata nella

Share Button

R.D.CONGO: assistenza integrata agli ex sfollati

di Camilla Dogliotti. Da ormai quasi due anni COOPI, con finanziamento UNICEF, sta portando avanti il programma annuale PEAR+. Si tratta di un programma integrato di

Share Button

LETTERA DA HAITI

Marco Ferloni e Bruno Clerici sono ad Haiti con COOPI dal 23 gennaio 2010 per intervenire in supporto agli sfollati e a sostegno delle comunità colpite dal terremoto che ha devastato l’isola il 12 gennaio di quest’anno. Dal campo riportiamo una testimonianza di Marco.

Share Button

N’DJAMENA, DIARIO DI UNA SETTIMANA DIFFICILE. Incontro con Andrea Burelli

Andrea Burelli, coordinatore dei progetti di COOPI in Ciad, negli uffici di COOPI Milano. Abbiamo incontrato nella sede centrale di COOPI Milano Andrea Burelli, coordinatore dei progetti COOPI in Ciad. Una lunga chiacchierata con Andrea ci riporta agli scontri del 2-3 febbraio scorso avvenuti nella capitale N’Djamena, fra ribelli provenienti Continua a leggere N’DJAMENA, DIARIO DI UNA SETTIMANA DIFFICILE. Incontro con Andrea Burelli

Share Button

DALLA COLOMBIA I RIFUGIATI “INVISIBILI”, di Benedetta Botta.

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato del 20 giugno Benedetta Botta (nella foto) ci parla delle tensioni vissute lungo la frontiera Colombia-Ecuador e del progetto di COOPI per l’assistenza e l’integrazione dei rifugiati colombiani in territorio ecuadoriano. 1 marzo 2008. Angostura, provincia di Sucumbíos, Ecuador, frontiera con la Colombia. Continua a leggere DALLA COLOMBIA I RIFUGIATI “INVISIBILI”, di Benedetta Botta.

Share Button

EMERGENZA CONGO, COOPI a FIANCO DEGLI SFOLLATI – aggiornamenti su www.coopi.org

AGGIORNAMENTI SULLA SITUAZIONE IN NORD KIVU SONO DISPONIBILI SU WWW.COOPI.ORG [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=OeN4maXbhZs&hl=it&fs=1] 1 milione di persone in fuga, di cui 250 mila negli ultimi 2 mesi. Lo staff di COOPI è a Goma, nel Nord Kivu, con progetti medico-nutrizionali d’urgenza a favore degli sfollati. La cura della malnutrizione, soprattutto dei bambini, Continua a leggere EMERGENZA CONGO, COOPI a FIANCO DEGLI SFOLLATI – aggiornamenti su www.coopi.org

Share Button

DIRITTI UMANI A CARTAGENA, di Sebastian Vadalà

Avvio Master breve in “Tutela dei diritti umani e cooperazione internazionale” COOPI, Cartagena, Colombia – Nell’ambito delle attività previste dal progetto “Master in Cooperazione internazionale allo sviluppo presso l’Università di San Bonaventura di Cartagena”,  implementato da COOPI insieme a CISP e VIS e finanziato dal Ministero degli Esteri, l’Elacid  (Escuela Continua a leggere DIRITTI UMANI A CARTAGENA, di Sebastian Vadalà

Share Button

COLOMBIA, BETANCOURT LIBERA, intervista a Piero Brunod

Segnaliamo sul nostro blog un’intervista di AGImondo ONG a Piero Brunod, responsabile di COOPI per i progetti in Colombia. E’ possibile leggere l’intero servizio di AGImondo cliccando qui. ______________________________________________________ Le ong salutano la liberazione degli ostaggi ma temono per la crescente militarizzazione del conflitto che aggraverebbe la già precaria situazione Continua a leggere COLOMBIA, BETANCOURT LIBERA, intervista a Piero Brunod

Share Button

Dopo il ciclone in Birmania

COMUNICATO STAMPA ITALIA AIUTA subito attiva dopo il ciclone in Birmania Milano, 6 maggio 2008 – Oltre 15.000 morti, 30.000 dispersi e centinaia di migliaia di persone senza riparo e senza acqua potabile: questi i disastrosi effetti del ciclone Nargis, che si è abbattuto tra sabato 3 e domenica 4 Continua a leggere Dopo il ciclone in Birmania

Share Button